PIANO MARCHIONNE: POMIGLIANO CHIUSA ENTRO IL 2012

La Fiat di Pomigliano chiuderà entro il 2012. La triste sentenza emerge dal documento che Marchionne, amministratore delegato del gruppo torinese, presenterà giovedì prossimo al governo tedesco. Il piano della Fiat per acquisire la Opel avrà un costo occupazionale di 6.500 unità in Italia, si perché oltre allo stabilimento campano entro pochi anni chiuderanno anche le fabbriche di Termini Imerese in Sicilia e quello Pininfarina di San Giorgio Canavese in Piemonte. A queste indiscrezioni ha risposto il ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola “Inderogabile il mantenimento dei cinque stabilimenti Fiat in Italia”. E se il destino dei lavoratori Fiat è ancor legato a un filo di speranza, è invece già certo quello degli operai della KSS di Arzano in provincia di Napoli, l’azienda che produceva fino al gennaio scorso le cinture di sicurezza per la Fiat, e che adesso è stata chiusa per cessazione della produzione. Adesso gli operai chiedono alla regione risposte (INTERVISTA nel file allegato)

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *